San Nicola dell'Alto


carfizzi-_perri.jpg

Bando di Concorso Sportello Linguistico.

Friday, December 31, 2010


Comune di San Nicola dell'Alto provincia di Crotone.

OGGETTO: BANDO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA - PER TITOLI ED ESAMI – DI CANDIDATI PER LA SELEZIONE DI N.3 OPERATORI ESPERTI IN LINGUA ALBANESE PER LA PROSECUZIONE DELLO SPORTELLO LINGUISTICO INTERCOMUNALE-

Il RESPONSABILE DELL’AREA

Vista la delibera della conferenza dei Sindaci n. 6 del 29.11.2010-

            Considerato:

 che nell’ambito delle attività progettuali finanziate con la legge n.482/1999-Annualità 2007-è stato approvato e finanziato dal Ministero degli Affari Regionali con i fondi della Legge Quadro Nazionale per la tutela delle minoranze linguistiche;

            che l’istituendo sportello linguistico ha il compito di gestire tre postazioni ( una per ogni Comune appartenenti al Distretto Arbëresh)  per il raggiungimento dei seguenti obiettivi:

  1. Favorire il diritto dei cittadini a ricevere ogni informazione delle amministrazioni anche nella lingua minoritaria albanese e nel facilitare i rapporti tra Pubblica Amministrazione e cittadini in tutti i contesti previsti dall’applicazione della legge 482/99, valorizzando una cultura e una lingua che altrimenti si estinguerebbero collaborando sia con le istituzioni scolastiche che con le altre realtà culturali presenti sul territorio.

I destinatari del progetto sono anzitutto i cittadini dei tre Comuni e, in primis, le scuole.

  1. Realizzare il progetto “Facciamo teatro a scuola” offrendo ai ragazzi la possibilità di sperimentare sé stessi e le proprie capacità nel vasto settore della comunicazione, sviluppando in essi il senso del sociale ed accrescere il rispetto per le proprie radici, mantenendo viva la lingua e recuperando le tradizioni.

In tale progetto saranno impegnati gli alunni della scuola primaria dei tre Comuni ed è prevista anche la partecipazione delle famiglie.

DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA’ PREVISTE DALL’INTERVENTO

Obiettivo n.1:

-          facilitare l’uso della lingua minoritaria locale sia orale che scritta nel rapporto tra i cittadini e le Amministrazioni comunali;

-          disporre di un centro di servizi linguistici per le attività di traduzione (traduzione degli atti comunali in lingua) e interpretariato di supporto agli uffici pubblici che operano nell’ambito del territorio comunale;

-          fungere da centro di promozione della lingua e della cultura minoritaria nei territori comunali e da coordinamento delle iniziative intraprese dalle Amministrazioni Comunali in applicazione della legge 482/99;

 

Obiettivo n.2

-           “ricostruire” il  passato e le proprie origini, attraverso la ricerca delle tradizioni e del folklore arbëresh , con la raccolta di fotografie , detti, racconti e fiabe, storie di vita, canti, balli e notizie riguardanti eventi e ricorrenze religiose e civili, analisi dei  valori su cui si basavano i rapporti sociali dei nostri antenati (rapporti genitori-figli, rapporti figlioccio-padrino, rapporti di vicinato, ecc.);

-          Tradurre le ricerche eseguite in rappresentazione teatrale mediante:

Analisi di un copione, scelta ed elaborazione di un testo;

Allestimento (scelta dei ruoli, scenografie, costumisti, tecnici, macchine ecc, scelta dei brani musicali e/o dei balli)

Realizzazione;

Socializzazione delle produzioni: manifestazioni conclusive in cui gli alunni recitano ed espongono, anche in forme diverse ( relazione, mostra, video) i risultati delle attività di ricerca compiute.

RENDE NOTO

  1. è indetta pubblica selezione, per titoli ed esami,  per reperire n.tre operatori esperti in lingua albanese, con ottima conoscenza della madre lingua Arbëreshe scritta e parlata, da utilizzare per la realizzazione del suddetto progetto di “PROSECUZIONE DELLO SPORTELLO LINGUISTICO INTERCOMUNALE” –
  2. la selezione  sarà effettuata da un esperto in materia  sulla base dei titoli che saranno presentati dai candidati, tenuto conto dei punteggi previsti nel prosieguo del presente bando e di un colloquio-
  3. gli esami,  consistenti in una prova scritta ed una orale,  avranno luogo in data 07.01.2011 alle ore 9.00 presso la sede del Comune di San Nicola dell’Alto – Ente capofila del progetto-
  4. la richiesta di partecipazione  alla selezione,  dovrà pervenire al protocollo del Comune di San Nicola dell’Alto, entro le ore 14.00 del giorno 04.01.2011  in busta chiusa contenente, obbligatoriamente,  la seguente documentazione debitamente sottoscritta dal richiedente:

 

-Titolo di studio posseduto o certificato, in carta semplice, nel quale sia indicato la votazione e la data di conseguimento, (oppure autocertificazione resa dall’interessato ai sensi della normativa vigente in materia);

-Idonea certificazione, in carta semplice, attestante la votazione conseguita negli esami sostenuti in materia di Lingua e Letteratura Albanese, Dialetti Albanesi dell’Italia Meridionale e Filologia Albanese (oppure autocertificazione resa dall’interessato ai sensi della normativa vigente in materia) ed eventuali titoli professionalmente utili-

-Curriculum vitae;

-Dichiarazione, ai sensi del DPR 445/2000, dalla quale risulti che il richiedente:

a -  non ha  rapporti di lavoro con l’Amministrazione  Comunale o con Enti pubblici che siano in contrasto oppure vietino o non consentano l’esercizio a tempo pieno dell’incarico de quo;

b.  - non sia stato destituito, dispensato per persistente insufficiente rendimento o dichiarato decaduto dall’impiego presso una pubblica amministrazione, anche a ordinamento autonomo, o presso enti pubblici, anche economici, per avere conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità insanabile, ovvero licenziato da aziende o enti privati per giusta causa o per giustificato motivo ascrivibile ad inadempimento del dipendente.

-Elenco di tutti i documenti e/o titoli allegati alla domanda;

-Fotocopia di un proprio valido documento di riconoscimento;

-Indicazione, non vincolante per l’Amministrazione, della sede di destinazione-

5.      Sulla busta, da indirizzarsi al Comune di San Nicola dell’Alto – Via Skanderbeg – 88817 SAN NICOLA DELL’ALTO,  dovrà essere riportata la seguente dicitura ”Domanda di partecipazione bando Prosecuzione dello sportello linguistico intercomunale”

 

REQUISITI:

            I concorrenti che intendono partecipare devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

1)- Cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea;

2)- Idoneità fisica all’impiego;

3)- Godimento dei diritti politici;

4)- Posizione regolare nei confronti degli obblighi di leva;

5)- Immunità da cause d’interdizione dai pubblici uffici o di destituzione o dispensa da precedenti pubblici impieghi, nonché da cause di decadenza previste dall’art.1 delle legge 16/92, salva l’avvenuta riabilitazione;

6)- Ottima conoscenza della lingua scritta e parlata Albanese e Arbëreshe locale;

7)- Possesso di Laurea in materie umanistiche o diploma di scuola media superiore di 2° grado;

8)- Dimostrazione di inesistenza di rapporti con l’Amministrazione o con Enti pubblici che vietino l’esercizio della libera professione, né altri rapporti che siano in contrasto con il presente incarico o che non consentano lo svolgimento regolare, nelle ore d’ufficio delle attività previste in progetto –

9)-Età minima di anni 18 al momento della domanda –

 

            Si precisa che la graduatoria avrà validità di anni uno dall’approvazione-

Totale punteggioda assegnare

Titolo di studio      (a)

Esperienza acquisita per incarichi presso lo sportello lin-guistico comunale locale (b)

Titoli attestanti la competenza  in albanese, Dialetti Arbëreshe e Filologia Albanese (c)

Titoli attestanti conoscenze informatiche

(d)

Frequenza di corsi di specializzazione in lingua Albanese e/o seminari attinenti.

Altri titoli professionalmente utili (es.  insegnamento dell’Arbëresh nelle scuole dell’obbligo, animazione culturale ed organizzazione convegni attinenti  alla cultura Arbëreshe o pubblicazioni pertinenti) (e)          

Colloquio (f)

  100

Fino a un massimo di 12 punti

Fino a un massimo di 36 punti.

Fino a un massimo di 8 punti

Fino ad un massimo di 6  punti

Fino ad un massimo di 18 punti

Fino ad un massimo di 20 punti

 

(a) Voto per DIPLOMATI, fino a un massimo di punti : 1 punto per un voto di diploma tra 61 e 64; 1,50 per un voto di diploma tra 65 e 68; 2,50  punti  per un voto di diploma tra 69 e 72;  3,50 punti per un voto di diploma tra 73 e 76; 4,50 punti per un voto di diploma tra 77 e 80; 5,50 punti per un voto di diploma tra 81 e 84; 6,50 punti per un voto di diploma tra 85 e 88; 7,50 punti per un voto di diploma tra 89 e 92; 8,00 per un voto di diploma tra 93  e 100.

Lo stesso schema, opportunamente “convertito” in sessantesimi, si può applicare ai vecchi diplomi.

Voto per LAUREA in MATERIE UMANISTICHE, fino a un massimo di punti 12: punti 8 con punteggio fino a 100; punti 10 con punteggio tra 101 e 105; punti 12 con punteggio tra 106  a 110;

Ai fini  dell’attribuzione del punteggio per il punto (1) si terrà conto del titolo di studio finale;

(b) Punti 12 per ogni anno di attività svolto presso lo sportello linguistico di uno dei Comuni (San Nicola dell’Alto – Carfizzi – Pallagorio) appartenenti al Distretto Arbëresh e della Provincia di Crotone, fino ad un massimo di 36 punti;

Per periodi inferiori ad un anno,  punti 1 (12/12) per ogni mese di attività svolta;

Punti 6,50 per ogni anno di attività svolta presso altri sportelli linguistici;

 

(c) Per ogni esame sostenuto in Lingua e Letteratura Albanese e/o Dialetti Albanesi dell’Italia Meridionale e/o Filologia Albanese presso Atenei legalmente riconosciuti: fino a un massimo di punti 1,5 per ogni esame e/o attestato (tenendo conto del punteggio in trentesimi) fino a un massimo di 8 punti;

(d) Tre punti per ciascun titolo informatico attestato  in corsi di informatica e Information Technology, fino a un massimo di 10 punti. Il possesso della certificazione ECDL (European Computer Driving licence), cioè del patentino informatico europeo, dà diritto all’assegnazione del punteggio massimo di 6 punti;

(e) Fino a tre punti per ciascun corso di specializzazione in lingua albanese-arbëreshe, per ciascun titolo professionalmente utile presentato, per ciascuna pubblicazione ritenuta pertinente, per ciascun convegno attinente alla cultura Arbëreshe . Per l’insegnamento dell’Arbëresh nelle scuole dell’obbligo vanno assegnati 3 punti per ogni anno scolastico di effettivo insegnamento documentato per la realizzazione di progetti finanziati ai sensi della legge 482/1999, indipendentemente dal numero di ore di effettivo impiego, fino ad un massimo di 18 punti;

(f) Al colloquio sulla lingua albanese e la lingua locale da tenere con un esperto incaricato è attribuito il punteggio massimo di 20 punti.

A parità di punteggio complessivo la preferenza sarà determinata:

a)- dalla minore anzianità del titolo di studio;

b)- in caso di ulteriore parità, dalla minore età del richiedente;

            Gli incarichi avranno la durata di anni uno dall’inizio dell’attività, saranno comunicati ai primi tre classificati mediante apposito provvedimento e saranno retribuiti con i fondi all’uopo assegnati ai sensi della legge 482/99 per l’annualità 2007;

            Il compenso annuale lordo  per ogni operatore ammonta a €. 7.500,00 –

            I concorrenti utilmente collocati in graduatoria potranno essere chiamati per eventuale sostituzione durante il periodo di validità della graduatoria stabilito in anni 1 (uno)-

            Le prestazioni di che trattasi, non daranno luogo in alcun caso ad instaurazione di rapporto di lavoro subordinato. Gli incaricati dovranno garantire la propria presenza (una unità per ciascun Comune) presso gli uffici comunali dei Comuni appartenenti al Distretto Arbëresh (San Nicola dell’Alto – Carfizzi – Pallagorio), secondo le esigenze, coincidenti di norma con il normale orario di apertura degli uffici comunali, per complessive 15 ore settimanali, fermo restando l’obbligo per i medesimi di partecipare, su richiesta dell’Amministrazione, a riunioni o incontri necessari allo svolgimento dell’attività. Gli stessi incaricati provvederanno a creare le condizioni affinché i processi realizzativi degli interventi presenti in progetto risultino condotti in conformità ai modi ed ai termini previsti dal relativo progetto finanziato-

            Le prestazioni previste verranno svolte dai professionisti incaricati in piena autonomia senza vincolo di subordinazione. La presente convenzione rientra nel novero dei rapporti oggettivi. L’incaricato dovrà dichiarare sotto la propria responsabilità, che non ha rapporti con l’Amministrazione o con Enti pubblici che vietino l’esercizio della libera professione, né altri rapporti che siano in contrasto con il presente incarico o che non consentano lo svolgimento regolare, nelle ore d’ufficio, delle attività previste in progetto-

Il Compenso  annuo spettante a ciascun incaricato verrà liquidato mensilmente previa produzione di relazione attestante l’attività svolta-

            Le direttive sulle attività da svolgere saranno impartite dalle Amministrazioni Comunali, ognuno per la propria competenza,   tramite il responsabile comunale del progetto; sarà facoltà insindacabile delle Amministrazioni Comunali giudicare l’opportunità e l’efficienza delle attività svolte-

            L’incarico sarà oggetto di apposita convenzione tra l’Ente capofila e i vincitori della selezione per la regolamentazione delle prestazioni che l’operatore dovrà effettuare-

            L’Ente si riserva la facoltà di effettuare accertamenti circa il possesso dei requisiti di partecipazione alla selezione nonché sulla corrispondenza delle dichiarazione sostitutive rilasciate ed allegate alla domanda di partecipazione-

            Si informa che:

-Non si terrà conto delle domande e dei documenti inviati o consegnati dopo il termine previsto;

-Costituisce motivo di non ammissione alla selezione la mancata o l’errata presentazione dei documenti di cui al punto - 4-;

L’Ente non assume alcuna responsabilità in caso di smarrimento di comunicazioni dovuta ad inesatta indicazione del domicilio o del recapito da parte del richiedente o da mancata oppure tardiva comunicazione del cambiamento del domicilio o del recapito indicato nella domanda, né per eventuali altri disguidi non imputabili direttamente al medesimo.

            I dati personali trasmessi dai candidati con le domande di partecipazione all’incarico oggetto del presente bando, ai sensi della legge 31.12.1996, n.675, trasfusa nel D.Lgs. 30.06.2003 n.196 saranno trattati per le finalità di gestione della procedura di selezione e dell’eventuale procedimento di assunzione in servizio–

            Per quanto non previsto nel presente bando, si applicano le disposizioni di cui alle leggi vigenti in materia, nel vigente Regolamento dei Concorsi e del Regolamento degli uffici e dei Servizi dell’Ente capofila  Comune di San Nicola dell’Alto –

            L’Amministrazione si riserva la facoltà ove ricorrano motivi di pubblico interesse, di prorogare, sospendere o riaprire i termini del presente bando nonché di modificare, revocare o annullare il bando stesso, senza  che per i concorrenti insorga alcuna pretesa o diritto-

            Per ogni chiarimento o informazione gli aspiranti potranno rivolgersi al Responsabile d’Area Dr. Scarpino Vincenzo e/o all’ufficio di Segreteria del Comune di San Nicola dell’Alto Sig.ra Chiarelli Vincenza–

                                                                                IL RESPONSABILE DELL’AREA

                                                            f.to        Dr. Scarpino Vincenzo



s.nicolaperri.jpg

Sunday, July Sundayy 26, 2009

  • San Nicola dell'Alto- Oggi ci saranno i funerali dell'avv. Michele Pollizzi di 51 anni, che prematuramente manca all'affetto dei suoi cari.

20 June, 2008

CROTONE. È dedicato ad Anselmo Lorecchio, figura di giornalista e intellettuale arbereshe, un convegno che inizierà oggi a Crotone, per proseguire a Pallagorio, Carfizzi e San Nicola dell’Alto il 21 e 22. A Lorecchio, che ha avuto un ruolo di primo piano all’interno del movimento risorgimentale albanese, è dedicato l’appuntamento di studio promosso dalla Sezione di Albanologia dell’Università della Calabria, dall’amministrazione provinciale di Crotone, dal Distretto culturale arbereshe e dai tre Comuni arbereshe del Crotonese - Pallagorio, San Nicola dell’Alto e Carfizzi. L’obiettivo dell’incontro è quello “di riscoprire, rilanciare e approfondire - è scritto in una nota dell’Unical - la conoscenza di una figura importante della storia e della cultura italo-albanese della fine dell’Ottocento e primi decenni del Novecento, come Lorecchio, che svolse con la rivista – “La nazione albanese”, da lui fondata e diretta fino alla sua morte nel 1924, un’incisiva azione politica e culturale a sostegno dei diritti della nazione albanese e contribuendo alla creazione e difesa dello Stato albanese”. Al convegno, parteciperanno docenti e ricercatori provenienti da diverse università, italiane e straniere (Calabria, Roma III, Palermo, Milano Statale, Monaco di Baviera, Tirana, Scutari, Elbasan, Rhode Island). Oltre alle sessioni scientifiche, previste mostre itineranti relative a documenti dell’intellettuale, conservati nell’Archivio di Stato albanese; poi uno “sguardo sui Balcani”, attraverso riviste italiane di inizio Novecento e una mostra basata una rara collezione filatelica sull’Albania dal 1913 al 1923. Altre manifestazioni saranno le proiezioni dei film documentari “ Vjersh - Canto”, “Via mare Adriatico” e “Rockarbereshe”. Nella conclusione del convegno cioe' Domenica 22 alle ore 22 ci sara' la presentazione del primo disco dei Du.Du.a', gruppo musicale di Pallagorio formato da Enzo Iovine (corrispondente da Milano di Pallacom) e  Peppino Masci.

Alcune foto di San Nicola dell'Alto Agosto 2006


Agosto 2006"La pizzuta e la Scultura" dedicata ai tre paesei albofoni, da questa sommita' e' possibile vedere buona parte dei paesi della Sila, e' stata una sorpresa per me veder questa scultura di cui non ricordo il nome, ma la bellezza e' unica. Invito qualche Sannicolese a darmi il nome esatto, e l'autore e data in cui e stata posata.

 


Sempre dalla parte della "Scultura" e' possibile vedere la salita che arriva a San Nicola dell'Alto, in direzione dei pali della luce si trova il montePomillo di Pallagorio.

Questa foto fa vedere la pizzuta dalla zona Furci di Pallagorio

Infine giu' c'e' il libro degli ospiti che potete firmare o leggere.


Sign Guestbook  |  View Entries