Carfizzi


IMG_20110824_164204.jpg

Friday, August 26, 2011

Eccomi qui con altri aggiornamenti gratuiti e senza ricompensa di nessuno quindi liberi di dire quello che voglio,ma perso che lo farei anche dietro un compenso non mi faccio imbavagliare da nessuno e dico quello che penso e credo naturalmente anche se a volte potrei sbagliare. Fatta questa premessa, volevo parlarvi del wifi di Carfizzi, per chi non capisce queste cose tecniche, faccio una piccolo chiarimento la sigla wifi e' un modo per collegarsi in internet senza chiavetta o filo ora quasi tutti i computer hanno questo sistema, cosi anche alcuni smart phone cellulari di ultima generazione, Questo perche'? Per evitare di stare attacati alla rete del WEB con dei fili, anche il piu' semplice dei ruter (una apparato elettrronico che si collega alla linea telefonica e poi ritrasmette il segnale sia via cavo o senza cavo ai computer che vi hanno accesso. Detto questo, Carfizzi su questo profilo internet ci ha fregato, per usare un'espressione locale ci ha superato, non so come abbiano fatto chi si sia interessato ma qualcuno ha capito la potenzialita' di questo concegno elettronico il wifi, e naturalmente bisogna avere una o piu' antenna per trasmettere il segnale che poi gli altri computer vi si possono collegare. Le potenzialita' e aumentare i possibili' utenti alla rete, secondo invogliare giovani a stare collegati con i cellulari e magari fare videoconferenze a costo zero, cosi usando skipe fare le chiamate anche a costo zero, poi non tralasciamo il piacere di collegarsi quando e come uno vuole. Io invece qui a Pallagorio pago 30 euro per collegarmi alla stessa velocita' di Carfizzi e con chiavetta Tim. Ma non so quanti abbiano questa possibilita' di spendere per una conessione. Nei prossimi giorni vado a trovare questa nuova amministrazione e porre questa domanda, magari registrare anche la loro risposta. Avendo un telefono con tante applicazioni ne ho una che fa da analizzatore di wifi, funziona come uno strumento tecnico, ebbene, nel mio sopraluogo a Carfizzi il segnale in diversi punti del paese non e' che sia forte, ma mi ha sorpreso anche il raggio d'azione quasi ad un chilometro fuori dal paese c'era segnale -50db, poi l'airbone di Carfizzi usa il canale quattro, la velocita di upload e' di 69 kb alle ore 17.10 mentre quella di download era di 97 kb, ripeto non so quanti utenti vi erano collegati perche' quello influisce su questi parametri, ma essendo gratuita la conessione non posso che eloggiarla. Io ho la stessa velocita' a pagamento per andare 10 volte piu' veloce debbo salire sul monte Pomillo ed andare dal versante di Perticaro dove solo li dimentico di essere frustato da questa condizione. Sono certo che questa nuova Amministrazione fara' di tutto per cambiare questa condizione di spareggio e disaggiata, specialmente quando quasi il 90% dei pallagoresi vanno e navigano su facebook. Oggi vi sara' il mercato del Venerdi, vedremo quanta gente e' pronta a sfidare questo caldo umido che ci tiene svegli di notte. Eugenio Perri



Thursday, August 6, 2009 (foto di E.Perri)

  • Attivata a destra la sezione messaggi, i quali verranno cancellati se volgari e dopo essere visibili 60 giorni.

Carfizzi- Il giorno 10 Agosto e' previsto il concerto del gruppo musicale dei Du-dua, all'anfiteatro comunale, nella stessa serata e' possibile acquistare il nuovo CD.


5 August 2009

Carfizzi-La sera del 4 Agosto, all'anfiteatro comunale, lo scrittore Carmine Abbate, ha presentato il suo libro " Gli anni veloci", alla lettura di alcune pagine si è alternata la musica del cantautore Cataldo Perri e dil suo gruppo, che hanno proposto anche alcune canzoni di Rino Gaetano, che viene citato insieme a Cataldo Perri nel romanzo. Una serata da non dimenticare, vi erano tutte le autorità locali, il sindaco, il presidente della provincia Zurlo, ed altri due onorevoli, naturalmente il pubblico di Carfizzi, non appena ci giunge la foto verrà pubblicata.





22 September, 2008

CROTONE. La comunità albanofona di Carfizzi, nel crotonese, è stata protagonista di un evento particolare: la somministrazione dei sacramenti del battesimo e della cresima ad una piccola ospite del centro di accoglienza per immigrati “Asilo” e ad un bambino rumeno, officiata con il rito ortodosso di Costantinopoli. Particolarmente interessati si sono dimostrati gli alunni delle scuole elementari, giunti per l’occasione alla funzione, che con hanno immortalato le varie fasi ed i momenti più affascinanti. Ad officiare il rito padre Nilos, giunto direttamente dal monastero di Sant’Elias Speleota di Melicuccà e padre Giovanni. Un rito lungo e suggestivo, durato circa due ore, durante il quale i presenti hanno manifestato attenzione e curiosità per la somministrazione dei due sacramenti che, a differenza del rito cattolico, avviene contemporaneamente; ed ancora il ballo intorno alla vasca battesimale dove sono stati immersi, completamente nudi, i bambini. Padre Nilos ha ricordato che il rito è identico a quello che celebravano cinquecento anni fa i fondatori delle comunità albanesi in Calabria ed in Italia. Ad assistere alla cerimonia, oltre a tanti fedeli incuriositi, anche gli amministratori locali tra i quali, l’assessore alle Politiche sociali della Provincia di Crotone, Salvatore Bonofiglio, il sindaco di Carfizzi, Caterina Tascione, il vicesindaco Marianna Legnetti, l’assessore comunale Dea Alfieri, il dirigente del Co.Pro.S.S. e i responsabili del progetto: Domenica Cerrelli, Alba Fusto, Filomena Foresta. A conclusione del rito gli invitati si sono recati nei locali del centro di accoglienza dove la festa è proseguita con canti e balli.



  20 June, 2008


CROTONE. È dedicato ad Anselmo Lorecchio, figura di giornalista e intellettuale arbereshe, un convegno che inizierà oggi a Crotone, per proseguire a Pallagorio, Carfizzi e San Nicola dell’Alto il 21 e 22. A Lorecchio, che ha avuto un ruolo di primo piano all’interno del movimento risorgimentale albanese, è dedicato l’appuntamento di studio promosso dalla Sezione di Albanologia dell’Università della Calabria, dall’amministrazione provinciale di Crotone, dal Distretto culturale arbereshe e dai tre Comuni arbereshe del Crotonese - Pallagorio, San Nicola dell’Alto e Carfizzi. L’obiettivo dell’incontro è quello “di riscoprire, rilanciare e approfondire - è scritto in una nota dell’Unical - la conoscenza di una figura importante della storia e della cultura italo-albanese della fine dell’Ottocento e primi decenni del Novecento, come Lorecchio, che svolse con la rivista – “La nazione albanese”, da lui fondata e diretta fino alla sua morte nel 1924, un’incisiva azione politica e culturale a sostegno dei diritti della nazione albanese e contribuendo alla creazione e difesa dello Stato albanese”. Al convegno, parteciperanno docenti e ricercatori provenienti da diverse università, italiane e straniere (Calabria, Roma III, Palermo, Milano Statale, Monaco di Baviera, Tirana, Scutari, Elbasan, Rhode Island). Oltre alle sessioni scientifiche, previste mostre itineranti relative a documenti dell’intellettuale, conservati nell’Archivio di Stato albanese; poi uno “sguardo sui Balcani”, attraverso riviste italiane di inizio Novecento e una mostra basata una rara collezione filatelica sull’Albania dal 1913 al 1923. Altre manifestazioni saranno le proiezioni dei film documentari “ Vjersh - Canto”, “Via mare Adriatico” e “Rockarbereshe”. Nella conclusione del convegno cioe' Domenica 22 alle ore 22 ci sara' la presentazione del primo disco dei Du.Du.a', gruppo musicale di Pallagorio formato da Enzo Iovine (corrispondente da Milano di Pallacom) e Peppino Masci.






Carfizzi visto dalla 'Pizzuta" di san Nicola dell'alto.